Ancora una volta mio caro lettore ti voglio parlare dello Storytelling, questa volta  però cercherò di illustrarti quali sono gli errori (orrori) da evitare nell’organizzare tale attività di “Fan Engagement”.

Ribadisco il concetto che l’obiettivo di tale strategia è quello di far nascere una forte relazione tra la propria azienda/brand con il consumatore, attenzione però che non  va inteso  come uno strumento di vendita, ma ben si uno strumento per coinvolgere e aumentare velocemente la community intorno a te.

Di storytelling ho già parlato in questo articolo, leggilo per saperne di più.

Dunque i 5 errori da evitare sono :

  1. Una storia senza protagonista : devi sapere che il destinatario della tua storytelling ha il bisogno di identificarsi con un personaggio, non con il tuo prodotto;  anzi creare un personaggio con determinate caratteristiche psico-fisiche aiuta il tuo pubblico/clientela/consumatore ad identificarsi e indirettamente emulare l’utilizzo del prodotto fatto dal protagonista della tua storia.
  1. Non dimenticarti il contesto : Il contesto è un’informazioni che permette a tutti di capire una situazione specifica e che la storia necessita di avere, senza di esso la storia non verrebbe capita/percepita e il nostro target non capirebbe il senso del nostro racconto.
  1. Non creare storie confuse : le storie devono avere una ragione, devono esistere e soprattutto devono ricondurre all’immagine dell’azienda; non possono essere architettate o per lo meno se ideate che siano coerenti al contesto studiato in tale occasione . Nel momento in cui le storie che vengono disegnate non sono collegate con il brand  o comunque non riescono a rappresentarla, si va incontro ad un vero è proprio fallimento.
  1. Non raccontare fatti : spesso quando qualcuno scrive la storia non fa altro che redigere una lista lunghissima di fatti. Tuttavia numeri e fatti non sono una storia, possono essere inseriti come contorno , ma non devono essere troppi. Le storie riguardano prima di tutto le passioni e le emozioni, che non possono essere sintetizzate in numeri e anche se spiegassero i fatti hanno sempre per protagonista un essere umano e le sue reali esperienze.
  2. Aspettare a condividere la tua storia : inizia a condividere la tua storia il più presto possibile e vedi le reazioni del tuo target. Cerca di individuare cosa funziona e cosa no e chiediti il perché. Potrai così aggiungere o modificare contenuti e contributi alla tua storia e recuperare il tempo perduto.

Se hai altri suggerimenti, sarò lieto di confrontarmi con te