Raccontare un evento in diretta attraverso i social network, condividendo foto, idee, pensieri e risultati raggiunti è fondamentale per garantirne il successo: ma come si fa una buona diretta social?

In questo articolo cercherò di darti alcuni suggerimenti e consigli pratici per raccontare un evento in diretta sui social network, senza stressarti e soprattutto senza perdere di vista il tuo obiettivo: mostrare ai tuoi followers (il meglio di) quello che sta accadendo.

Cos’è (e cosa non è) una diretta social

Quando si parla di “diretta” social, il termine “diretta” non deve essere preso alla lettera: curare la diretta di un evento non significa comunicare sui social network tutto ciò che succede nel preciso istante in cui succede, a meno che tu non stia seguendo la diretta di un evento televisivo o sportivo.

Certo, stare sul pezzo è importante: lo strumento della diretta Facebook, recentemente messo a disposizione di tutti gli utenti del social di Zuckerberg, la dice lunga su quanto la tempestività sia sempre di più un valore, anche e soprattutto nel mondo del web marketing; tuttavia, quando ci si occupa della “diretta social” di un evento, altrettanto importante è la qualità dei contenuti prodotti. E la qualità richiede più tempo: per fare una buona diretta social di un evento hai bisogno di lavorare sui contenuti prodotti per migliorarne l’appeal, anche se questo significa aggiornare il tuo pubblico con 15/20 minuti di differita.

Insomma: una diretta social non è una corsa all’informazione. È invece il racconto accattivante e ragionato di un evento in tempo (più o  meno) reale.

5 consigli per fare una buona diretta social

Questa premessa è importante per capire dove profondere il tuo impegno: non nell’arrivare primo (rispetto a chi?), ma nel fare un buon lavoro. Può sembrare paradossale, ma il primo consiglio per fare una buona diretta social è: non avere fretta.

  1. Non avere fretta

Quando sei a un evento, intorno a te accadono una molteplicità di fatti contemporaneamente. Sei letteralmente bombardato di stimoli e informazioni: avere fretta significa trasmettere queste informazioni ai tuoi followers senza alcun tipo di filtro, e questo non ti permette di realizzare contenuti di qualità.

Aspetta: entra nel “mood” dell’evento, cerca di capire che messaggio vuoi trasmettere a chi ti sta seguendo, seleziona le informazioni che vuoi fornire rispetto a quelle che NON vuoi fornire. Non devi raccontare tutto: prenditi il tempo per scegliere i contenuti migliori da proporre al tuo pubblico. E arriviamo così al secondo consiglio: per fare una buona diretta social devi imparare a filtrare i contenuti.

  1. Realizza contenuti di qualità

Non tutto ciò che accade a un evento va detto, perché non tutto ciò che accade a un evento è necessariamente interessante o degno di nota: il tuo compito non è soltanto quello di raccontare al pubblico cosa sta accadendo, ma anche e soprattutto di dirlo al meglio, confezionando un racconto fruibile e accattivante, che metta in risalto gli aspetti salienti dell’evento, glissando invece su quello che invece non vorresti mai far sapere a chi ti sta seguendo.

Un esempio? Mettiamo il caso che l’evento sia un flop con una manciata di partecipanti: non è certo questo il messaggio che vuoi che arrivi ai tuoi followers. È chiaro che in un caso del genere (e si tratta di un esempio banale) dovrai ingegnarti a trovare il lato buono: il tuo scopo resta comunque quello di trasmettere un’immagine positiva.

Come fare a filtrare le informazioni e realizzare contenuti di qualità? Con il consiglio numero 3.

  1. Organizzati

Essere organizzati è importante sempre, ma lo è ancora di più quando ti viene affidata la comunicazione social di un evento. Sapere con certezza cosa accadrà, dove, quando e per quanto tempo è fondamentale se vuoi realizzare una buona diretta social.

Ruba la regola delle 5 W dal giornalismo:

  • Who?
  • Where?
  • When?
  • What?
  • Why?

Sono tutte domande a cui devi saper dare una risposta quando ti appresti a curare la diretta di un evento, anche perché sono le informazioni che dovrai fornire ai tuoi lettori/spettatori.

Studia dettagliatamente il programma dell’evento e, se puoi, realizza una scaletta dei contenuti da proporre durante la diretta social: ti aiuterà ad avere un canovaccio su cui lavorare, che ti sarà di aiuto soprattutto nei momenti di panico.

Ecco un esempio generico di scaletta per la diretta social di un evento, con tipi di contenuti diversi da proporre su diverse piattaforme social:

5-consigli-diretta-social-infografica

 

E se le cose non dovessero andare come previsto? Ecco il quarto consiglio.

  1. Tieni sempre pronto un piano B

Ebbene sì: avere un piano B è fondamentale quando curi la diretta social di un evento. Il perché è semplice: l’imprevisto è sempre dietro l’angolo. Questa è una regola che chi organizza eventi conosce molto bene: bisogna sempre prevedere l’imprevedibile.

Un testimonial potrebbe avere un intoppo e non riuscire a essere presente, uno dei partecipanti potrebbe essere sostituito all’ultimo minuto da un collega, oppure ci potrebbe essere un forte ritardo sulla scaletta… essere pronto a tutte queste eventualità è fondamentale per gestire bene lo stress di questi momenti.

Il mio consiglio è quello di preparare dei contenuti “freddi”, da utilizzare nel caso in cui qualcosa non dovesse andare per il verso giusto: ti saranno di aiuto a “tappare” eventuali buchi e soprattutto a non perdere la calma e la concentrazione in un momento di crisi.

  1. Fai una lista di tutto quello che ti serve

Last but not least, il quinto consiglio è di ordine pratico, e forse è il più importante di tutti: fai una lista di tutte le cose che avrai bisogno di portare con te e di avere a portata di mano quando curi una diretta social, e organizzati in tempo per procurartele.

Ecco la mia personale lista di oggetti che mi sono stati utili durante l’esperienza di responsabile della diretta social di un evento (aggiungi i tuoi nei commenti!):

  • Programma dell’evento
  • Carta e penna per prendere appunti
  • Caricabatterie di riserva per lo smartphone
  • Modem portatile
  • Pantaloni con le tasche per avere sempre tutto a portata di mano
  • Scarpe comode (!) se prevedi di stare a lungo in piedi
  • Pass “Staff” per accedere alle aree riservate

E tu? Hai già curato una diretta social? Quali sono i tuoi metodi e i tuoi trucchi per essere sicuro di fare un buon lavoro? Condividi la tua esperienza nei commenti!