Con l’articolo di oggi inauguriamo una nuova rubrica mensile: Social Media Campaign top&flop.

Abbiamo infatti pensato che nell’oceano di campagne e pubblicità che vengono lanciate ogni mese, molte di loro possono essere una vera fonte di ispirazione aiutandoci a capire i fattori che rendono una strategia di comunicazione di successo o un totale fallimento.

Per rendere tutto più divertente abbiamo deciso di suddividere le diverse campagne in categorie. Non ci resta che scoprire quali!

1) Best Guerrilla Marketing 

Per la promozione dell’uscita nelle sale cinematografiche del film Baywatch, la Paramount Pictures ha deciso di rendere la premiere di Londra un evento memorabile, entrando nel Guinness World Record  grazie alla realizzazione di un pallone da spiaggia con un diametro di ben 15.81 metri! Un’idea geniale che ha catalizzato l’attenzione di tutto il mondo sul film dei celebri bagnini dal costume rosso.

 

Social Media Campaign top&flop

 2) Orgoglio italiano

Questa categoria è dedicata esclusivamente al panorama italiano. Come ogni anno Algida ci sorprende con pubblicità che sanno rievocare la spensieratezza e la giovialità dei mesi estivi, quest’anno però la vera svolta è stata l’accoppiata vincente con il cantante Tiziano Ferro, riuscendo ad accostare una sicura hit estiva al celeberrimo cornetto. Ogni volta che passerà la canzone in radio non potremo che pensare ai prodotti Algida!

3) Ricorrenza del mese

Ogni compagnia che si rispetti sa bene che le feste o le ricorrenze annuali posso essere una buona opportunità per solidificare la reputazione e l’immagine del proprio brand. Per questo abbiamo pensato di dedicare una categoria alle migliori strategie di comunicazione relative ad una specifica ricorrenza.

Il 14 Maggio c’è stata la Festa della mamma e in tutto il mondo non sono mancate vere e proprie dichiarazioni d’amore verso di loro.

Una delle pubblicità che si è saputa differenziare dalle altre non emulando il classico stereotipo della campagna sdolcinata è senz’altro quella della Nissan, che ha visto glorificare lo spirito di maternità piuttosto che la figura della donna, presentando un inno alla fluidità dei ruoli parentali, un’idea vincente se il target considerato è quello delle cosiddette “famiglie non tradizionali”.

4) La più creativa

La vera chicca creativa del mese è senza dubbio quella di McDonald’s, che inscena una falsa televendita in stile americano, grazie anche al volto di Anthony Sullivan (il nostro Giorgio Mastrota a stelle e strisce) che pubblicizza ‘The Frork’, una rivoluzionaria forchetta inventata appositamente per rendere il pasto un momento giocoso e non sprecare le salse che puntualmente cadono dal panino! L’idea in sé è geniale, entrando così di diritto nella categoria di  Buzz marketing, avendo creato non poche reazioni rispetto al prodotto e consequenzialmente verso McDondal’s rendendola una strategia di successo.

5) Social Media Campaign: Flop del mese

Non sempre avere grandi disponibilità economiche da investire è sinonimo di qualità e successo di una campagna, per questo abbiamo deciso di dedicare una parte della ricerca anche al flop del mese, perché anche i migliori possono sbagliare!

Sempre in tema Festa della mamma,nonostante la sua particolarità, lo spot che è riuscito ad essere più inquietante che geniale è senza alcun dubbio quello della Skittles, rinomato per le sue idee sempre innovative ma che questa volta non hanno convinto il pubblico. La scelta di proporre un uomo adulto che magia le caramelle attraverso il cordone ombelicale della madre appare infatti una scelta azzardata tanto da costringere l’azienda a ritirare lo spot da YouTube. Una lezione amara per l’azienda americana che ha capito troppo tardi che non bisogna mai rinunciare al buongusto.

6) Social Media Campaign: Top del mese

Semplice, intuitività e frizzante sono gli aspetti principali che hanno reso la campagna iPhone della Apple la migliore del mese. I piccoli spot da 30 secondi raccolgono in sé tutte le caratteristiche tipiche delle precedenti campagne del famoso marchio della mele morsicata, creando una familiarità tra il pubblico ed il brand. Bastano infatti pochi secondi per rendersi conto di cosa l’azienda voglia comunicare e del messaggio che vogliono farci recepire. Lo spot ha lo scopo di confrontare l’iPhone con le altre marche di smartphone attraverso le caratteristiche più comuni come: le foto, la privacy o musica senza però risultare competitivo.

Un altro punto di forza della campagna è senza dubbio l’essere riuscita a vendere l’atmosfera del brand senza il bisogno di dover mostrare il prodotto. Diversi punti forti che l’hanno resa senza alcun dubbio il miglior esempio di Brand Advertising del mese.

Questo è quanto per il mese di maggio della rubrica Social Media Campaign top&flop che abbiamo scovato. Siete d’accordo con le nostre proposte? E soprattutto, cosa ci proporranno i creativi di tutto il mondo per il prossimo mese? Stay tuned  e se notate un top o un flop segnalatecelo sulla nostra pagina Facebook!