Il capitale umano è un’entità di primaria importanza all’interno dell’organizzazione aziendale. Ma cosa si intende esattamente per “capitale umano”? Questo termine fu utilizzato per la prima volta dall’economista statunitense Theodore  Schultz, vincitore del premio Nobel per l’Economia, attraverso uno studio sui Paesi in via di sviluppo. In ambito aziendale, il capitale umano comprende tutte le caratteristiche individuali che un soggetto apporta nel proprio lavoro.

Un esempio: Il suo impegno, la sua intelligenza, la motivazione, il suo spirito di squadra e tutte quelle attitudini che apportano positività all’interno di un’organizzazione. In definitiva è quell’insieme di conoscenze e competenze che un individuo mette in atto. Tutto questo svolge un ruolo fondamentale nella creazione del benessere economico di un’azienda, propedeutico al suo benessere sociale. Non a caso, più del 70% del valore di mercato di un’organizzazione è determinato dal capitale relazionale e umano.

Per cui un’impresa  al giorno d’oggi, è da considerarsi competitiva e di valore se presenta al suo interno un elevato capitale intellettuale. Quali dunque le caratteristiche fondamentali di un buon capitale umano?

  • Primo tra tutti il Knowhow delle persone, quelle che in italiano comunemente definiamo “competenze”che normalmente si basano sull’esperienza.
  • In secondo luogo, è necessario che una risorsa abbia la capacità di apportare innovazione all’interno dell’organizzazione.
  • Infine che il patrimonio di relazioni instaurato con il mercato sia alquanto favorevole e proficuo per la realtà aziendale.

È chiaro che un’impresa che investe principalmente sull’asset umano, acquisisce dei vantaggi competitivi rispetto ad altre aziende che non sono ancora riuscite a comprendere l’importanza dell’organico nella creazione di valore. Andiamo al dunque: quali possono essere i vantaggi  e i benefici per un’organizzazione (o anche comunità) che punta sulla valorizzazione del proprio capitale umano?

  • Aumento della produttività all’interno dell’azienda attraverso uno sviluppo positivo del clima aziendale. Questo è possibile se ci si focalizza sugli obiettivi che si prefigge ogni individuo, uniti a quella che è la mission dell’azienda.
  • Miglioramento delle performance economiche attraverso la valorizzazione del personale. Da ciò ne consegue che le aziende attireranno risorse di valore , le quali preferiranno sempre più ambienti lavorativi dove venga valorizzato il proprio potenziale.
  • Diminuzione del costo del personale. Non dimentichiamoci che lo stress da lavoro rappresenta per le aziende una grave perdita in termini di giornate lavorative.

Questi rappresentano solo alcuni dei vantaggi ottenibili dalla valorizzazione degli stakeholder interni. Focalizzarsi su questi punti fondamentali tra l’altro, permetterà all’azienda di avere una migliore valutazione esterna considerando il fatto che oggi attraverso l’utilizzo dei vari strumenti del web (quali social network o blog) i dipendenti e le risorse umane in genere, possono dare la loro testimonianza ed è fondamentale che sia positiva. Da quanto detto finora comprendiamo dunque quanto siano importanti le competenze di una risorsa al punto da essere parte integrante del patrimonio aziendale. Un’impresa nasce grazie all’ingegno e alla lungimiranza dell’imprenditore, ma cresce, si sviluppa e dura nel tempo grazie ai dipendenti, e in generale alle risorse umane senza le quali l’organizzazione non potrebbe tenersi in piedi. In conclusione, il  mio consiglio a tutti i lettori, in particolare a coloro i quali abbiamo messo in piedi un’attività, è quello di non considerare  il dipendente solo come un costo per l’impresa, tavolta da tagliare in momenti di crisi, ma anche e soprattutto come l’essenza di un’azienda, fondamentale per mantenere nel tempo la caratteristica dell’efficacia, che diciamolo, dura grazie e  soprattutto al capitale umano.

Quali dunque gli strumenti utili che consiglierei ai nostri lettori? Bhe facendo una ricerca e analizzando le esigenze aziendali, mi sono imbattuta in un’applicazione molto interessante:  si tratta di “SKILL ITINERE” che gestisce il processo di valutazione delle risorse interne ad un’organizzazione. L’applicazione contiene diverse funzionalità che permettono ai responsabili e ai direttori del personale di gestire i processi di sviluppo del capitale umano aziendale, il tutto attraverso le seguenti funzionalità:

  • Anagrafica job description e relative competenze
  • Schede di autovalutazione
  • Gestione dei piani formativi e di sviluppo
  • Anagrafica dei profili, classificati per singole aree funzionali e di business… e molto altro!

Per accedere al sistema basta posizionarsi in una qualsiasi postazione connessa ad internet con successivo inserimento di Login e Password per l’autenticazione. Per le modalità di fruizione del software consiglio di consultare la pagina al seguente indirizzo.

Infine, da segnare in agenda c’è anche l’app  di ADP “ MOBILE SOLUTIONS” disponibile in 35 Paesi e in 27 lingue diverse. Questo tipo di applicazione fornisce ai dipendenti tutti gli strumenti necessari quali:

  • Accesso alla rubrica aziendale
  • Visualizzazione della sua posizione salariale
  • Costante aggiornamento sulle news aziendali
  • La possibilità di consultare il saldo ferie e permessi

Inoltre grazie ad una nuova versione tablet,  i manager potranno gestire il loro team in qualunque posto si trovino!

Per info consultare il sito Adp.

Al prossimo articolo….. Stay  tuned 🙂